Nessun commento

La ricetta della mia crostata

Dalla finestra della mia cucina mentre preparo crostate e sorseggio tè alla mela verde, vengo rapita da lenzuola a pois che svolazzano al vento di scirocco.

Incantata dal loro andare e venire, provocano in me un sussulto, come ombre rievocano profumi e ricordi lontani.

Erano per me giorni di festa, quando per meritata concessione di mia madre dormivo da mia sorella maggiore.

La sua casa era come un libro di racconti magici, pieno di illustrazioni colorate. Lenzuola disegnate a pois, a righe, con fate e folletti, letti a castello, barbie, teste di bambole da truccare. Rossetti, fard, ombretti, collane, orecchini e le mie adorate nipoti con cui non mi stancavo mai di giocare.

Ma la bellezza di quei giorni era racchiusa nella colazione. Su quel tavolo da cucina mancava solo la gallina di Banderas.

Latte caldo bianco o per chi preferiva con nesquik, con caffè o con orzo. Nutella, burro, marmellate e tante, ma tante, tantissime crostate e ciambelle.

Crostate alla marmellata, alla crema, ciambelle bianche e nere come il mio unico giocattolo, un cicciobello lasciato sul mio letto in solitudine.

Quelle crostate e quelle ciambelle, grazie a lei e alle sue meravigliose ricette adesso le faccio anch’io e sono buonissime. Mi avete scritto in molti chiedendomi la ricetta della crostata, bene prendete carta e penna e annotatevi la ricetta della crostata più buona che avrete mai mangiato.

400 gr. di farina

200 gr. di zucchero

2 uova

80 ml olio d’oliva

1 busta pan degli angeli

Amalgamate gli ingredienti nell’ordine sopra scritto. Formate una palla e avvolgetela in pellicola per mezzora in frigorifero. Farcite o con della marmellata e noci o con crema al limone o con della ricotta.

 

14658223_1180508091992925_157568609_n

 

Leave a Reply